Firenze, 19 aprile 2017 - Prosegue fino al 22 aprile nelle Sala Ex-Leopoldine in piazza Tasso 7 la mostra itinerante di arte pubblica "Huellas de la memoria” dell'artista plastico Alfredo Lopez Casanova. Orme della memoria, questa è la traduzione dallo spagnolo dell’opera, che attraverso centinaia di paia di scarpe denuncia il dramma dei Desaparecidos di ieri e di oggi in America Latina.

Un oggetto comune come una scarpa diventa simbolo e voce di una tragedia umana, un segno di solidarietà con i familiari dei desaparecidos, instancabili nella loro attività di denuncia della situazione della popolazione messicana e di quelle dei Paesi del Sud America. Le scarpe, donate dai famigliari, riportano nomi, ricordi e date delle scomparse delle vittime.

Huellas de la memoria è una campagna internazionale contro la desapariciòn forzata, che unisce arte ed emozioni in un’operazione di memoria collettiva. La mostra è a ingresso libero  e ospita incontri di approfondimento. Ecco il programma:

- 20 aprile, ore 18: "Non temer mia speranza: io ti difendo”, incontro sulla tutela e difesa dei diritti delle vittime e dei loro familiari. Interventi di Luisa Vierucci, Università degli Studi di Firenze, e Eugenio Alfano, Amnesty International gruppo Firenze.

- 22 Aprile, ore 18: "Ricordati di me”, incontro sulla Poesia come bene comune della memoria con interventi di Martha Canfield e Anna Milazzo.
Reading poetico e letterario: "43 Poeti per Ayotzinapa" e "Anahi del mare. La dittatura in Uruguay, la notte di un popolo"

Orario mostra: 10-13 e 15-20