Notizie Firenze
 TV   FOTO E VIDEO BLOG SERVIZI LAVORO ANNUNCI CASA
TRASPORTI

Le aree ferroviare fiorentine rinascono
Firmato un accordo per la riqualificazione

Il documento  firmato da Regione Toscana, Provincia Comune di Firenze e Ferrovie dello Stato prevede la cessione a titolo gratuito dell'area ferroviaria della ex stazione Leopolda, dove sorgerà il nuovo Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, oltre all'autorizzazione - da parte di Fs - relativamente al nuovo tracciato della linea 2 della tramvia, nella zona cittadina di viale Belfiore 

Dimensione testo Testo molto piccolo Testo piccolo Testo normale Testo grande Testo molto grande

Firenze, 27 ottobre 2008  - La Regione Toscana, insieme a Provincia e Comune di Firenze, hanno siglato questo pomeriggio un accordo con Ferrovie dello Stato per la riqualificazione delle aree ferroviarie fiorentine.

 

La firma è stata apposta sul documento dal sindaco di Firenze, Leonardo Domenici, insieme al presidente della Provincia, Matteo Renzi, all'assessore all'urbanistica della Regione Toscana Riccardo Conti ed all'amministratore delegato di Fs, Mauro Moretti.

 

Il documento prevede la cessione a titolo gratuito dell'area ferroviaria della ex stazione Leopolda, dove sorgerà il nuovo Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, oltre all'autorizzazione - da parte di Fs - relativamente al nuovo tracciato della linea 2 della tramvia, nella zona cittadina di viale Belfiore.
 

 

Inoltre l'accordo prevede anche una serie d'impegni relativi al potenziamento del sistema ferroviario fiorentino, attraverso interventi di riqualificazione sulle aree ferroviarie di Campo di Marte e Porta a Prato, insieme a riorganizzazione urbanistica delle aree ferroviarie dismesse o in procinto di essere smantellate.

 

Il protocollo, nel suo titolo, parla d'intesa "per la riqualificazione urbanistica delle aree ferroviarie di Porta a Prato, Belfiore, Centrale del Latte, Campo di Marte e Romito".

 

L'accordo, tra gli altri elementi, prevede anche l'acquisizione, da parte del comune di Firenze, di circa quindici ettari di aree, che saranno destinate alla realizzazione di parcheggi e zone a verde pubblico.

 

"Si tratta di un accordo molto importante, che assume un valore strategico per la nostra città e consente l'avvio di importanti opere pubbliche - ha commentato il sindaco Domenici - penso prima di tutto al nuovo Teatro del Maggio, di cui è imminente l'avvio dei lavori, ma anche all'interconnessione fra la tramvia e l'alta velocità e il potenziamento della stazione di Campo di Marte. Inoltre il Comune, acquisendo i circa 15 ettari di aree previsti dal protocollo, potrà destinare queste aree ad attività pubbliche, in particolare parchi e parcheggi".

 

"E'  una intesa che apre una pagina importante per la nostra città - ha aggiunto Renzi - la realizzazione del Teatro del Maggio si avvia a diventare una bellissima opportunità per Firenze grazie all'impegno dimostrato da vari soggetti: dalle Amministrazioni locali fino al prezioso interessamento mostrato dall'allora ministro Rutelli".

 

Per l'assessore regionale Conti, "si tratta di una intesa che riguarda aree cruciali di Firenze come in genere sono le aree ferroviarie, la cui riconversione rappresenta una delle opportunità più importanti per le città italiane - ha dichiarato l'assessore Conti -. Questo complesso di interventi dovrebbe essere trattato e gestito come anticipazione del nuovo Piano Strutturale e della strumentazione urbanistica conseguente, in coerenza con uno sforzo che vede impegnate le città e i territori della nostra regione ad attuare quelle nuove politiche territoriali che possono diventare una cifra della Toscana di domani".

 

ALTA VELOCITA'  

 

L'amministratore delegato di Ferrovie dello Stato Mauro Moretti oggi ha annunciato che  i lavori per gli scavi del tunnel per l'Alta velocita' partiranno entro il primo semestre del prossimo anno e dovrebbero concludersi entro la fine del 2014, assieme al completamento di quelli per la costruzione della nuova stazione progettata da Norman Foster in zona Macelli-Belfiore. 

''Stiamo lavorando - ha spiegato Moretti - con la ditta per completare la progettazione esecutiva; se non vi saranno problemi entro i primi sei mesi del 2009 iniziera' la messa a punto dell'area di cantierizzazione e il tutto dovrebbe completarsi, sempre stando ai programmi, entro il 2014''.










Se il codice risultasse illeggibile CLICCA QUI per generarne un altro

 

LA FOTO DEL GIORNO

Giovanni Fattori (omaggio)

Fattori in mostra
a Palazzo Pitti

Da martedì 28 ottobre fino al 25 gennaio 2009 alla Galleria d'arte moderna di Palazzo Pitti in mostra 'L'altra faccia dell'anima, ritratti di Giovanni Fattori'. Curata da due noti specialisti quali Giovanni Matteucci e Carlo Sisi, l'esposizione rende omaggio a Fattori nel centenario della sua morte