Questo pazzo
pazzo mondo

A cura di
Matteo Leonelli
Single in the city
Fai il test
psicologico,
scopri te stesso
e incontra
single realmente
affini a te!
26/05/2007 16:48
VIA DELL'ORIUOLO

Inaugurata la biblioteca delle Oblate

Inaugurato  un nuovo bellissimo spazio per la città: la biblioteca delle Oblate. Una biblioteca di nuova concezione, dove è possibile per tutti leggere un libro, ascoltare musica, navigare sul web o sfogliare un giornale

Firenze, 25 maggio 2007 -  Nasce oggi a Firenze un nuovo bellissimo spazio per la città: la Biblioteca delle Oblate. Una biblioteca di nuova concezione, dove è possibile per tutti leggere un libro, ascoltare musica, navigare sul web o sfogliare un giornale; dove gli scaffali sono aperti e si può star seduti su comodi divani; dove si può portare il proprio computer e connettersi a internet, magari nella spettacolare terrazza all'ombra della Cupola.

 

E dove, grazie all'innovativo progetto 'Firenze città dei lettori', si può partecipare ad un laboratorio di lettura o di scrittura creativa, od ascoltare 'dal vivo' una fiaba con i propri bambini.

 

E' "un luogo di lettura per... i non lettori", come lo definisce con un paradosso il sindaco Leonardo Domenici: e proprio per avvicinare ai libri anche chi non legge e soprattutto i giovani, il sindaco ha voluto che l'inaugurazione di questo nuovo spazio in via dell'Oriuolo non fosse un fatto isolato, ma il primo e fondamentale elemento di un programma innovativo nel panorama delle politiche culturali italiane. Così è nato "Firenze città dei lettori", progetto del Comune di Firenze che avrà sede proprio alla biblioteca delle Oblate, per promuovere la "cultura della lettura" con una serie di iniziative permanenti aperte a tutti e gratuite.

 

 

CENNI STORICI

 

La costruzione del Convento o "Conservatorio" delle Oblate è contemporaneo all'ospedale di Santa Maria Nuova il cui primo nucleo risale al 1287. Nel 1301 le Oblate, che furono fondate come congregazione laica proprio per dedicarsi all'assistenza spirituale e fisica dei malati, vivevano già negli edifici di fronte all'ospedale al quale erano collegate da un passaggio sotterraneo sotto l'attuale via S. Egidio.

 

Nel 1936 la struttura fu acquisita dal Comune di Firenze. L'edificio, prevalentemente quattrocentesco, ha grande rilevanza storica, artistica e architettonica: sia per la presenza dei chiostri, dei cortili, delle terrazze e dell'altana da cui si gode una bellissima vista sulla Cupola del Duomo, sia per la sua storia legata alle vicende dell'ospedale di Santa Maria Nuova, uno dei più antichi della città.

 

La superficie complessiva dell'intero edificio è di circa 10mila mq, di cui 7.500 coperti. Nella struttura, oltre alla Biblioteca, hanno sede altre importanti istituzioni culturali: il museo Firenze com'era, l'Istituto di Paleontologia e il museo di Preistoria, l'Accademia La Colombaria e l'Istituto del Risorgimento.

 

 

L'INTERVENTO

 

La Biblioteca si sviluppa intorno al chiostro e si articola su tre piani collegati fra loro tramite scale e ascensori ed è accessibile sia da via S.Egidio attraverso un grande portone, sia da via dell'Oriuolo attraverso il nuovo ingresso che crea una "piazza" interna arredata con moderne installazioni.

 

Il costo dell'intervento per mettere a norma l'intero complesso delle Oblate, iniziato nel '99 e concluso nel 2002, è stato di 3 milioni e 800mila euro; mentre gli ulteriori lavori per la nuova Biblioteca, iniziati nel 2004, ammontano ad 1 milione e 900mila euro. Si tratta della ristrutturazione dei nuovi spazi compresi gli esterni, gli arredi,  l'illuminazione e la caffetteria (che sarà completata entro quest'anno). L'intervento è stato curato dal Servizio Belle Arti della Direzione Cultura del Comune di Firenze, sotto la direzione di Giuseppe Cini, Marco Baldini e di Daniele Gualandi.

 

 

COME FUNZIONA LE NUOVA BIBLIOTECA

 

Dagli anni sessanta alle Oblate ha sede la Biblioteca Comunale Centrale, che diventerà la sezione storica della nuova Biblioteca. I documenti conservati nelle due grandi sale a scaffale chiuso testimoniano la storia di Firenze e della Toscana nei suoi vari aspetti.

 

La saletta di accesso alla sezione storica è dotata di un banco di accoglienza per i servizi di prima informazione, iscrizione, consultazione, prestito, assistenza all'uso dei servizi informatici compresa la navigazione internet anche con modalità wi fi.

 

Le sale, con grandi tavoli per 80 posti lettura per lo studio e la consultazione dei documenti, ospiteranno anche conferenze, convegni, dibattiti culturali e il chiostro sul quale si affacciano costituisce luogo ideale di incontro e di relazioni ma anche spazio per organizzare eventi, concerti, letture.

 

Al primo piano si trovano tre grandi sale dalle quali si può facilmente accedere alle terrazze coperte del chiostro. Le tre sale, allestite a scaffale aperto con divanetti per la lettura, postazioni informatizzate per la consultazione dei cataloghi e per la navigazione in internet, sono caratterizzate da funzioni diversificate ed organizzate per aree tematiche.

 

Tutti i documenti presenti in questa sezione sono direttamente accessibili agli utenti e disponibili al prestito. All'ingresso della prima sala un'isola di accoglienza fornisce i servizi di prima informazione, iscrizione, prestito, restituzione.

 

La sala, con un punto per l'autoprestito, ospita documenti relativi agli argomenti di maggiore attualità, alle novità editoriali, alle proposte culturali, sociali ed istituzionali della città e contiene una raccolta di opere generali di consultazione. La seconda sala ospita la raccolta letteraria dedicata alla letteratura italiana e straniera, con particolare attenzione alle letterature emergenti, con testi anche in lingua originale.

 

Ospita anche l'area dedicata al "mondo oggi" e "scienza oggi", con uno sguardo contemporaneo all'economia, alla storia, alla filosofia, all'integrazione razziale e alla multicultura, alle religioni, alla divulgazione scientifica e all'informazione sull'avanzamento delle scienze e delle tecnologie.

 

La terza sala è dedicata a cinema, musica, informatica, grafica e fumetto. Sono a disposizione dell'utenza lettori dvd per vedere i film, tre TV satellitari sintonizzate con le televisioni di tutto il mondo, lettori CD per l'ascolto della musica, postazioni informatizzate per la navigazione libera in internet ma anche per seguire corsi di formazione a distanza, fare ricerche, usare la videoscrittura.

 

La sala situata al secondo piano è suddivisa in due grandi aree: lo spazio bambini e famiglie e l'edicola. Lo spazio offre libri per bambini in lingua italiana e straniera di grande qualità, cd musicali, film e cartoni animati, PC con giochi interattivi ma anche la possibilità di connettersi a siti web selezionati. Le proposte per gli adulti, oltre a giornali e riviste, comprendono un'offerta dedicata alla persona e alla sue relazioni su varie tematiche, inclusa l'area dedicata ai viaggi.

 

Nell'edicola trovano posto i principali quotidiani italiani e stranieri, settimanali di informazione, vari periodici mensili. La sala del secondo piano si affaccia sulle due splendide terrazze coperte che saranno a disposizione degli utenti della biblioteca e dei frequentatori della caffetteria attigua e che costituiranno il luogo privilegiato per iniziative culturali. Tutti gli spazi della biblioteca, compresi quelli esterni, sono coperti da tecnologia wi-fi.

 

 

LA BIBLIOTECA IN CIFRE

 

 
3200 metri quadrati di superficie 1800 metri quadrati di sale di lettura  1600 metri quadrati di chiostri, terrazze e loggiati  1300 metri quadrati di nuovi allestimenti  4 nuove sale a scaffale aperto per la lettura e la consultazione
250 posti a sedere  45 postazioni multimediali con collegamento internet.  
Accesso internet con modalità wifi in tutti gli spazi al chiuso e all'aperto,   3 km di scaffalature, 65000 documenti totali, 1500 film in dvd, 2500 cd musicali.

 

'RURALIA', LA NATURA IN MOSTRA A PRATOLINO

Prosegue fino a domenica la mostra 'Ruralia' a Villa Demidoff a Pratolino. Animali in mostra, convegni, stand enogastronomici e tanto altro ancora. Orario continuato 10-20, ingresso libero