Questo pazzo
pazzo mondo

A cura di
Matteo Leonelli
Single in the city
Fai il test
psicologico,
scopri te stesso
e incontra
single realmente
affini a te!
10/04/2007 17:19
MICHELANGELO

A Casa Buonarroti
la Pietà in bronzo

Fino a giovedì 12 aprile, il museo ospiterà la copia della scultura di San Pietro realizzata dal calco in gesso tratto dall'originale

Firenze, 6 aprile 2007- Fu l'unica scultura sulla quale il genio volle imprimere il proprio nome: pare che fosse messa in dubbio la sua paternità. Oggi a Casa Buonarroti, in via Ghibellina, è possibile ammirare una fedelissima copia bronzea di una delle opere d'arte più famose al mondo.

 

 Fedelissima perche fu realizzata dal calco in gesso tratto dall'originale in marmo nel 1932 e accuratamente conservato dalla Fonderia Artistica Ferdinando Marinelli di Firenze. Rifinita a mano dagli esperti artigiani della fonderia, la replica ripropone nel bronzo l'inimitabile espressione e le proporzioni dell'originale in marmo.

 

La Pietà fu scolpita da Michelangelo su incarico del cardinale francese Jean de Villiers de la Groslaye. Lo scultore, che allora aveva solo ventitré anni, gli era stato presentato dall'importante banchiere romano Jacopo Galli. Il contratto originale del 1498, redatto dallo stesso Galli, è un prezioso documento dell'Archivio Buonarroti che verrà esposto in una teca a fianco della scultura bronzea. Galli promise che sarebbe stata "la più bella opera di marmo che sia hoge in Roma, et che maestro nisuno la faria megliore hoge".



Nel corso dei secoli, tutti hanno ammirato l'armonia del gruppo michelangiolesco, che combina le due figure della Madonna e del Cristo in una struttura piramidale. Michelangelo visse fino al 1564, in tempo per vedere la sua statua diventare un'icona. In data 8 febbraio 1546, il re di Francia Francesco I scriveva all'artista in Roma per chiedergli il permesso di eseguire un calco della Pietà da inviare in Francia "perché io possa ornare una delle mie cappelle con una delle vostre opere più squisite ed eccellenti". In segno di speciale cortesia nei riguardi del suo amico e mecenate, Luigi del Riccio, Michelangelo concesse allo scultore Nanni di Baccio Bigio di scolpire una copia della Pietà per la cappella Del Riccio in Santo Spirito a Firenze, dove è tuttora visibile. La fama della Pietà si è diffusa nel mondo attraverso innumerevoli copie nelle più svariate tecniche.

 

Casa Buonarroti, via Ghibellina 70, 50122 Firenze
Orario: tutti i giorni, escluso il martedì, dalle 9.30 alle 14.00
Ingresso: intero € 6,50, ridotto € 4,00, scuole € 3,25
Informazioni: tel. 055 241752 fax 055 241698 e-mail: fond@casabuonarroti.it
sito: www.casabuonarroti.it

 

FOTO DEL GIORNO

TUTTI PAZZI
PER GLI UFFIZI

Per migliaia di persone, turisti e fiorentini, lunghe attese davanti agli Uffizi che per Pasquetta sono rimasti eccezionalmente aperti