Verona, 12 marzo 2017 - E’ notte fonda sull’Empoli. Gli azzurri escono sconfitti dal ‘Bentegodi’ contro il Chievo, martoriati dal poker gialloblù che non lascia scampo a una squadra oggettivamente sempre più in difficoltà. Già, Maccarone e soci sembrano scarichi, quasi sfiduciati e questa quinta sconfitta consecutiva certifica una crisi di gioco e di risultati bella e buona. Nel primo tempo, almeno nella prima mezz’ora, la linea di centrocampo empolese sembra battagliera, in grado di opporsi alle offensive dei padroni di casa, nonostante la bella marcatura di Inglese: girata nel cuore dell’area di rigore che sblocca il risultato.

Sarà però il raddoppio al 40’ a far tirare i remi in barca all’Empoli: Birsa crossa dalla destra, Pellissier sfiora la palla e batte Skorupski.

Della ripresa che dire? Un disastro. Maccarone, Pucciarelli, Thiam, El Kaddouri, gli avanti azzurri insomma, non impensieriscono mai Sorrentino, eccezion fatta per una conclusione da fuori di Dimarco che colpisce la traversa quando i clivensi erano comunque sul 3-0. D’altronde ad arrotondare il risultato maturato nei 45 minuti iniziali ci pensano Birsa (migliore in campo) e Cesar al minuto 89. Insomma così proprio non va, con un campionato lungo ancora dieci giornate e i frequenti passi falsi delle ultime tre della classe non possono essere certezza di salvezza, anche se senza dubbio si stanno rivelando decisivi, per furtuna.

IL TABELLINO

Chievo (4-3-1-2): Sorrentino; Cacciatore, Cesar, Spolli, Gobbi; Castro, Radovanovic, Hetemaj; Birsa (84’ Kiyne); Meggiorini, Pellissier (71’ Bastien). All. Maran.

Empoli (4-3-1-2): Skorupski; Laurini, Bellusci, Costa, Pasqual; Krunic, Diousse, Croce; El Kaddouri (82’ Marilungo); Maccarone (53’ Thiam), Pucciarelli (59’ Dimarco). All. Martusciello.

Arbitro: Giacomelli di Trieste

Marcatori: 22’ Inglese, 40’ Pellissier, 75’ Birsa, 89’ Cesar

Note: ammoniti Diousse; recupero; 0;3