Fucecchio, 20 marzo 2017 - E’ bastato un sopralluogo veloce per rendersi conto che i ladri avevano colpito, fuggendo con in tasca pure una pistola. Ancora a Fucecchio, ancora sulle colline, nella zona de Le Vedute. Un angolo di paradiso tra il verde, ormai terra di scorribande nonostante l’impegno massiccio delle forze dell’ordine. Appena qualche giorno fa i carabinieri della Compagnia di Empoli hanno organizzato una task force, conclusasi con un centinaio di persone controllate e uno spacciatore in manette. Ma l’emergenza è tutt’altro che acqua passata, lì come nel resto del Circondario. A Empoli, sempre sabato sera, i ladri hanno fatto tappa in una villetta di via Val d’Orme: ad accorgersene la proprietaria di ritorno a casa. Ha trovato una finestra forzata, era appena l’ora di cena. I malviventi hanno avuto soltanto il tempo di rovistare in una camera e poi scappare, dopo aver tentato di aprire la cassaforte: probabilmente a impedire loro di completare l’opera, è stato l’arrivo dei legittimi proprietari.

Una porta forzata ha fatto la ‘spia’ invece a Montaione, dove nel mirino è finito un negozio di alimentari in via Iano: bottino magrissimo, a quanto pare appena pochi spiccioli. Ben diverso da quanto accaduto a Fucecchio, in via Pesciatina, dove i primi a rendersi conto che qualcosa non andava sono stati gli addetti della vigilanza privata. Allertati dall’antifurto attivato, sono arrivati alla villetta di proprietà di un imprenditore e hanno notato una finestra danneggiata. A quel punto, è scattato, oltre alla chiamata al 112, il controllo da parte dei proprietari, tornati di corsa a casa: i banditi, spariti nel nulla, erano riusciti a portare via, tra l’altro, dei monili in oro e l’arma, una pistola regolarmente detenuta. Un dettaglio che fa paura.