Empoli, 7 dicembre 2017 - «Per il restauro della fontana del Pampaloni di piazza Farinata degli Uberti tutto procede nel migliore dei modi. La cena di raccolta fondi al Centro Coop di via Sanzio di martedì sera è stata un successo grazie alla partecipazione di oltre 300 persone a tavola. L’idea di Abbraccia Empoli d’altronde è dar vita a una campagna di raccolta fondi attraverso diverse iniziative proprio per tirare a lucido la fontana dei Leoni, uno dei simboli per eccellenza di Empoli. A gennaio, poi, uscirà un’interessante pubblicazione sulla storia e le caratteristiche storico-artistiche del monumento firmata dall’ex direttore degli Uffizi Antonio Natali». Queste le parole del sindaco di Empoli Brenda Barnini sulla cena promossa dalla sezione soci del Centro Coop per far tornare a risplendere il monumento realizzato nel 1828 da Luigi Pampaloni.

UNICOOP ha infatti inserito piazza Farinata degli Uberti, e il suo monumento principe, nel programma di ‘abbracci’ dedicato a iniziative volte alla tutela di pezzi importanti e gloriosi del patrimonio storico artistico toscano. La cooperativa di via Santa Reparata, che ha già raccolto fondi per il Duomo di Firenze, ad esempio, fa appello ai propri soci, ben oltre il milione nella regione e più di 50.000 nell’Empolese, per aiutare economicamente gli interventi di conservazione e restauro delle testimonianze del nostro grande passato. La decisione assunta sulla piazza empolese è stata propiziata dalle iniziative per il decennale dell’apertura del Centro commerciale di via Sanzio. «Il monumento, uno dei più amati dagli empolesi – dicono a Unicoop –, ha necessità di un’importante opera di restauro. L’obiettivo della campagna ‘Abbraccia Empoli’ è quindi quello di raccogliere fondi per finanziare i lavori». E’ prevista anche la possibilità di contribuire online: informazioni su www.eppela.com/abbracciaempoli.

PER L’AZIENDA cooperativa presieduta dall’empolese Daniela Mori, quella della campagna per la fontana dei Leoni è anche un’occasione per rinsaldare i legami con la città, che non possono essere concepiti solo e soltanto in funzione degli acquisti, pur molto importanti per un’impresa che si occupa di grande distribuzione.

Questa considerazione assume anche il valore di marcare il territorio in un momento in cui ci sono movimenti importanti nel settore dei supermercati. Nell’Empolese Valdelsa l’egemonia di Unicoop non è in discussione, certo, ma si parla con insistenza di un cambio nel ‘panorama’ dei marchi. I cugini di Unicoop, i dettaglianti di Conad, anch’essi cooperatori, hanno voglia di sbarcare in forze a Empoli dopo la chiusura, anni fa, dell’ultima presenza nella zona di Serravalle. Se i programmi saranno rispettati, Conad aprirà un punto vendita nei locali dell’ex cinema Cristallo, abbandonati da anni, mentre un altro è previsto nella struttura del futuro stadio Castellani ‘rimaneggiato’.