Empoli, 7 febbraio 2018 - Nella notte tra lunedì 5 e martedi 6 i ladri delle macchinette sono tornati ad agire. Hanno forzato la porta, hanno raggiunto i distributori automatici e si sono messi all’opera, come da copione: nel mirino, l’istituto superiore ‘Enriques’ di Castelfiorentino e il campo sportivo di Montelupo Fiorentino. Non è chiaro se ad agire sia stata la stessa banda visti anche i chilometri che separano i due territori e le due location criminali. Ciò che è certo è che nella scuola valdelsana hanno colpito prima dell’una di notte. Ad accorgersi del raid, le guardie giurate più o meno a quell’ora. A quanto appreso, i malviventi si sono accaniti su due distributori di snack e bevande, riuscendo ad ‘aprirne’ però soltanto uno.

Agguantate le monete all’interno della cassa, sono poi fuggiti facendo perdere le loro tracce. Sull’accaduto indagano i carabinieri della Compagnia di Empoli, guidata dal capitano Giorgio Guerrini. Gli stessi militari sono stati chiamati a intervenire ieri mattina anche all’impianto sportivo montelupino. La sede dell’Usc Montelupo è stata, di nuovo, presa di mira dai ladri. Morale della favola, molti danni poca refurtiva. I ladri, in azione nella notte, avrebbero utilizzato una pietra per spaccare la vetrata del bar dove hanno rotto il registratore di cassa. Ma il contenitore era stato svuotato come da prassi, a fine giornata. Non contenti, i banditi si sono intrufolati negli spogliatoi e da lì hanno raggiunto un distributore automatico di bevande, assaltato e svuotato dell’incasso.