Fucecchio, 3 gennaio 2018 - Quello in programma al Nuovo Teatro Pacini di Fucecchio sarà un anno di grandi spettacoli. Ad aprire il 2018, c’è Giobbe Covatta, artista che non ha certo bisogno di presentazioni. Uno dei fiori all’occhiello della stagione targata «Sipario Blu – tradizione e innovazione», alla quarta edizione, con un calendario con grandi protagonisti del teatro italiano, un’offerta culturale di pregio, degna dei principali palcoscenici metropolitani, in cui albergano tutte le anime del teatro. Ma veniamo all’appuntamento del 19 gennaio, per il quale è già possibile acquistare i biglietti. Andrà in scena lo spettacolo di e con Giobbe Covatta, «6 gradi». Comicità, ecologia e coscienza globale sono gli ingredienti fondamentali.

L’artista napoletano, ancora una volta, utilizza il linguaggio della commedia per portare alla ribalta temi di grande attualità legati alla sostenibilità ambientale, ai cambiamenti climatici e alla situazione dei paesi del terzo mondo. Per avere informazioni è possibile contattare la biglietteria del Nuovo Teatro Pacini. La stagione prosegue poi il 9 febbraio quando Teresa Ludovico, direttrice artistica e regista dei Teatri di Bari, proporrà una personale riscrittura della tragicommedia di Plauto, «Anfitrione».

Più che uno spettacolo teatrale si tratta di un’occasione per interrogarsi sui concetti di identità e di doppio. Insomma, un momento di riflessione da non sottovalutare, anzi da concedersi per dialogare con se stessi. Il 21 febbraio in scena andrà «Rosalyn», spettacolo firmato da Edoardo Erba con Marina Massironi e Alessandra Faiella. Racconta la storia dell’incontro tra una scrittrice americana e una donna delle pulizie invischiata in una relazione sentimentale con un uomo bugiardo e perverso. Una trama, a dir poco, avvincente cui, il 21 marzo, seguirà «Pueblo», il nuovo spettacolo di Ascanio Celestini, artista romano che da sempre coniuga ironia e impegno civile.