Firenze / Arezzo / Empoli / Grosseto / La Spezia / Livorno / Lucca / Massa Carrara / Montecatini / Pisa / Pontedera / Pistoia / Prato / Sarzana / Siena / Viareggio / Umbria

Amanda : "Sono una ragazza normale, non sono un'assassina"

Omicidio Meredith, intervista trasmessa a 'Porta a Porta'

La Knox replica alle accuse in un'intervista nel salotto televisivo di Vespa: "Io e Raffaele due soldati che hanno combattuto  una guerra"

Amanda Knox durante l'intervista a 'Porta a Porta'
Amanda Knox durante l'intervista a 'Porta a Porta'

Perugia, 15 ottobre 2013 - "Non mi fido a tornare nel Paese in cui sono stata ingiustamente detenuta". Amanda Knox da Seattle parla e si difende in un’intervista in onda su «Porta a porta». La trasmissione di Bruno Vespa dedica una puntata alla nuova traccia «i», analizzata dai carabinieri del Ris, nell’ambito del processo d’appello bis per l’omicidio di Meredith Kercher.

E proprio in trasmissione Francesco Sollecito annuncerà il ritorno del figlio Raffaele nel giorno in cui i periti dell’Arma illustreranno ai giudici l’esito delle analisi sulla micro-traccia di dna rilevata sul coltello. Ci sarebbero elementi che fanno ipotizzare si tratti del profilo di Amanda. Nel corso dell'intervista la giovane statunitense parlerà dell'amicizia con Raffaele. "Siamo due soldati che hanno combattuto una guerra".
Edda Mellas, mamma di Amanda, invece rivela che tutta la famiglia segue un corso di psicoterapia per superare il trauma di quattro anni di detenzione. In studio anche l'avvocato dei Kercher, Francesco Maresca.

Condividi l'articolo
404 - Resource not found
404 – Resource not found