Firenze / Arezzo / Empoli / Grosseto / La Spezia / Livorno / Lucca / Massa Carrara / Montecatini / Pisa / Pontedera / Pistoia / Prato / Sarzana / Siena / Viareggio / Umbria

Costa Concordia: "Così sarà rimosso il relitto"

Ecco tutte le tappe dell'operazione

Il progetto prevede tra l'altro che dove saranno posizionati i pali nel fondale la vegetazione marina venga tolta, preservata e poi ricollocata a termine dei lavori

Al computer la simulazione della rimozione della Costa Concordia
Al computer la simulazione della rimozione della Costa Concordia

Grosseto, 18 maggio 2012 - Costera' probabilmente piu' dei 300 milioni citati dalle indiscrezioni giornalistiche la rimozione del Costa Concordia. La nave, adagiata sul fondale del Giglio dalla notte del 13 gennaio 2012 potrebbe essere in grado di galleggiare prima del prossimo febbraio, data ritenuta plausibile dal progetto di rimozione.

LE OPERAZIONI DI RIMOZIONE

Una serie di cassoni su lato sinistro della nave riempiti di acqua a fare da contrappeso, una piattaforma sottomarina per assicurare stabilità allo scafo, delle gru sulla piattaforma per raddrizzare il relitto e quindi
altri cassoni da entrambi i lati pieni di aria per farlo galleggiare. E' il progetto per rimettere in galleggiamento la
Costa Concordia entro nove mesi (febbraio 2013) e poi trasportarla in un porto vicino (probabilmente Livorno) dove sarà demolita.

"Un lavoro ciclopico, mai fatto per navi di queste dimensioni", secondo il direttore generale della Costa Gianni Onorato. E difatti a svolgerlo (insieme all'italiana Micoperi, che si occupa di installare piattaforme petrolifere) sarà l'americana Titan Salvage, leader mondiale nel settore del recupero dei relitti. Anche per loro comunque, chiarisce il presidente Richard Habib, "questa è una cosa senza precedenti, in particolare per la stazza" della nave. Senza molti precedenti anche il costo dell'operazione: per Beniamino Maltese, direttore finanziario di Costa Crociere, "forse più che non meno" 300 milioni di dollari.

Circa 300 saranno gli operai che saranno all'opera, che avranno la loro base operativa fuori del Giglio, nei pressi di Piombino, dove verranno raccolte apparecchiature e materiali necessari per gli interventi, in modo da evitare qualsiasi impatto sulle attività del porto turistico dell'isola.

Il piano è stato scelto da un comitato tecnico di valutazione, composto da esperti in rappresentanza di Costa Crociere, Carnival Corporation & plc, London Offshore Consultants e Standard P&I Club, con la collaborazione di Rina e Fincantieri perché risponde maggiormente ai principali requisiti richiesti: rimozione intera del relitto; minor rischio possibile; minor impatto ambientale possibile; salvaguardia delle attività turistiche ed economiche
dell`Isola del Giglio; massima sicurezza degli interventi.

 

 


Quattro, in sintesi, le fasi operative del piano rimozione: stabilizzata la nave, verrà costruita una piattaforma subacquea e al lato emerso della nave saranno applicati cassoni capaci di contenere acqua; due gru, fissate
alla piattaforma, raddrizzeranno la nave con l`aiuto del riempimento dei cassoni d`acqua; una volta dritta, alla nave
saranno applicati cassoni anche all`altro lato; i cassoni di entrambi i lati saranno quindi svuotati dall`acqua, non prima di averla opportunamente trattata e depurata a tutela dell`ambiente marino, e successivamente riempiti di aria. Una volta riportato nelle condizioni di poter galleggiare, il relitto sarà trainato in un porto.

Tutti gli attori interessati dai lavori, dalla Costa Crociere alla Micoperi, hanno promesso massima attenzione all'ambiente e alla preservazione del fondale marino. L'università La Sapienza di Roma nei prossimi giorni eseguirà una mappatura dettagliata del fondale perchè "alla fine tutto dovrà tornare esattamente come era e ci dovranno essere meno tracce possibili" dei lavori, ha sottolineato il general manager di Micoperi Silvio Bartolotti. Il capo della Protezione civile Franco Gabrielli ha ammesso che con le operazioni "ci sarà un impatto ambientale", ma ha anche promesso "un monitoraggio fino al 2018 per controllare e verificare le condizioni dell'ecosistema e per accompagnare il ripristino delle condizioni del fondale marino il più possibile vicine alla situazione preesistente".

La prima operazione dei lavori saranno (entro una settimana) delle trivellazioni per saggiare la consistenza della roccia del fondale vicino la Concordia, propedeutiche a capire che tipi di pali (una sessantina in tutto) dovranno essere piantati per evitare che la nave scivoli verso il fondo e per sorreggere la piattaforma subacquea che verrà utilizzata per rimettere in galleggiamento lo scafo. E' previsto che i materiali di risulta delle trivellazioni vengano 'aspirati' per essere raccolti in superficie e che dove saranno posizionati i pali nel fondale la
vegetazione marina venga tolta, preservata e poi ricollocata a termine dei lavori.

INDENNIZZO PER I NAUFRAGHI - La Costa Crociere "ad oggi ha raggiunto un accordo sull'indennizzo" per l'incidente della Concordia all'isola del Giglio "con il 64% dei naufraghi, esclusi i feriti e i famigliari delle vittime". Lo ha reso noto il direttore generale dell'azienda, Gianni Onorato, durante la conferenza stampa a Roma di presentazione del progetto di rimozione del relitto."Siamo gestendo casi legali per il 6%" dei naufraghi e "continueremo con il massimo impegno", ha concluso.

Sondaggio

Vuoi che Renzi giochi alla 'Partita del cuore'?

83%
No17%
VOTA

  • Notizie Locali
  • il Resto del Carlino:
  • La Nazione
  • Il Giorno
  • Blog
Copyright © 2013 MONRIF NET S.r.l. - Dati societari - P.Iva 12741650159, a company of MONRIF GROUP