Arezzo, 11 dicembre 2017 - I Giardini Spinelli, che si trovano nella zona nord di Montevarchi, sono al centro di un’aspra discussione politica e domani, in consiglio comunale, il loro destino sarà molto probabilmente stabilito. Tra i punti all’ordine del giorno del parlamentino, che avrà inizio alle 14,30, figura infatti la variante al regolamento urbanistico legata al polmone verde di via di Terranuova. Un polmone verde che sarà trasformato in un’area edificabile. L’atto consiliare sarà sicuramente seguito dalle polemiche, come ha preannunciato il consigliere di Montevarchi Democratica Francesco Maria Grasso, che presenterà una serie di osservazioni specifiche alla variante. Grasso chiederà innanzitutto di provvedere ad una ricognizione dello stato dei luoghi, producendo studi accurati sui carichi veicolari ed antropici che gravano su via di Terranuova e sulla viabilità adiacente

“E’ stato poi detto dall’esecutivo che i giardini Spinelli possono essere sacrificati in quanto nella zona sono presenti residenze che già godono di giardini privati. A questo punto – ha detto l’ex sindaco - si potrebbero, alienare ed edificare anche spazi pubblici come Piazza della Repubblica o i giardini Don Savelli del Pestello, perché anch’essi sono contornati da residenze che hanno giardini privati ben più consistenti. E queste sarebbero le residenze dotate di giardini privati che possono fare a meno del verde pubblico?”. Grasso ha poi ricordato quali furono i motivi che portarono alla nascita dei giardini Spinelli. Fu deciso, nella pianificazione urbanistica, di inserire in quella zona un polmone verde in quanto la zona di Montevarchi Nord, già satura di residenze, prevedeva l’ubicazione di fabbricati produttivi poi derubricati in larga parte a commerciali e direzionali. I giardini pubblici, quindi, compensarono il consumo del suolo del quale si prevedeva la cementificazione a breve, che poi è realmente avvenuta.

Il caso giardini Spinelli, tra l’altro, è stato al centro di un’assemblea pubblica convocatastasera dal Partito Democratico di Montevarchi nel Salone della Casa del Popolo di Via Ammiraglio Burzagli. “Abbiamo deciso, con i cittadini, di fare il punto della situazione dopo che l’amministrazione comunale di centrodestra ha deciso di distruggere il giardino pubblico all’incrocio tra la Regionale 69 e la via di Terranuova, rendendo alienabile e liberamente edificabile l’area finora pubblica. Adesso – ha aggiunto il Pd - il consiglio comunale è in procinto di discutere le osservazioni presentate da un gruppo di cittadini residenti nella zona con una ampia raccolta di firme e da un’associazione ambientalista”. All’assemblea prenderà parte anche il segretario Provinciale Pd Albano Ricci.