Arezzo, 20 giugno 2017 - Si sono ritrovati davanti alla questura di Arezzo a fine mattinata lunedì 19 giugno per una manifestazione spontanea. Si tratta di una cinquantina di migranti ospiti di strutture aretine.

 

Uno dei principali motivi della protesta riguardava l'orario di distribuzione dei pasti. I migranti musulmano hanno chiesto che, in questo periodo di ramadan, il pasto sia servito non prima ma dopo il tramonto, come prevede la tradizione. Il tutto si è svolto in maniera pacifica e senza causare particolari problemi. I giovani, tutti di origine africana, hanno fatto presente il loro disagio per una serie di motivi anche legati al cibo che non sarebbe di gradimento, come scelta di alimenti alla maggior parte dei giovani che hanno dato vita al sit-in spontaneo.