Arezzo, 6 maggio 2015 - Si potrà assaporare un pizzico di Expo anche qui. Nasce infatti Gioielli Dop, il primo brand di FoodJewelry «preparato» a mano in Italia. Gioielli artigianali in argento e smalti che presentano le nostre specialità alimentari regionali, amate e desiderate in tutto il mondo. L’idea è dell’Associazione Giovani Gioiellieri d’Italia e di una giovane designer aretina che, in occasione di Expo2015, intendono valorizzare le 3B del Made in Italy: il Bello, il Buono e il Ben fatto. Le collezioni di bracciali componibili Gioielli Dop prendono ispirazione dai colori di Positano, dai sapori della tradizione alimentare mediterranea, dall’alta pasticceria siciliana, dalla cultura magnogreca della costa jonica calabrese. Una linea che viene interamente prodotta ad Arezzo e che sarà presentata durante la fiera dell’oro. Accanto alle prelibatezze locali, dalla pizza alla sfogliatella, dal fico d’india alla cassata, passando per la burrata e le orecchiette, i bracciali sono il fil rouge di un grand tour tutto italiano: i trulli di Alberobello, la maschera di Pulcinella, la colonna di Capo Colonna. Il 2014 ha fatto registrare 6 miliardi di euro per l’export di gioielli made in Italy, 33 miliardi di euro quello di prodotti agroalimentari, 70 i siti nazionali riconosciuti dall’Unesco come patrimonio mondiale dell’umanità, 264 un record le indicazioni d’origine (Dop, igp, stg) tutelate dall’unione Europea, 4.698 le specialità alimentari regionali: ed è proprio questa l’Italia che intende raccontare ed esportare Gioielli Dop, il primo brand di FoodJewelry «reparato» a mano ad Arezzo. Dietro a tutto i Giovani Gioiellieri d’Italia che raggruppa tutti i figli dei gioiellieri che hanno fatto la storia italiana, figli d’arte come la giovane designer aretina. E Giovani Gioiellieri sovrintende una piattaforma web di vendita di gioielli italiani e l’omonimo sito che riguarda il cibo e i prodotti enogastronomici, è questo il connnubio tra le due idee e comparti in onore all’Expo. Tanto che Gioielli Dop dopo la presentaizone alla fiera aretina sarà anche all’Expo.

Gioielli Dop nasce infatti da un’idea di Giovani Gioiellieri, la prima associazione indipendente dedicata alla nuova generazione di artigiani della gioielleria made in Italy. In occasione di Expo, l’Associazione ha inteso contribuire alla valorizzazione e promozione del patrimonio alimentare e culturale italiano presentando in maniera del tutto originale le 3B del Made in Italy: il Bello, il Buono e il Ben fatto. Si tratta di gioielli in argento e smalti interamente realizzati a mano. Tra le oltre 300 imprese associate è stata selezionata una realtà tradizionale del distretto di Arezzo, dove l’arte orafa si tramanda di padre in figlio dal 1300, che ha interpretato il carattere contemporaneo della collezione e ha trasformato le specialità alimentari locali in piccoli capolavori d’argento e smalto. Il lancio ufficiale il 9 maggio con un debutto tutto aretino durante oroArezzo, un appuntamento irrinunciabile, inserito dal Governo Italiano nel piano straordinario per la promozione del Made in Italy, dove Gioielli Dop si presenterà con un format originale e svelerà l’intero catalogo regionale, completo di bracciali, orecchini, collane e charms, oltre ad una limited edition creata per Expo2015.