Arezzo, 7 febbraio 2018  - Lo hanno trovato morto in fondo al Sellina, il torrente che corre nella zona di San Marco e che in passato tante volte era stato causa di esondazioni e gravi problemi di allagamenti.

La vittima è un uomo di 50 anni, nella zona  via Salvadori, a poca distanza da quella 73 che è una delle strade più trafficate del territorio. A dare l'allarme forse un ciclista di passaggio, forse un semplice passante.

Sul posto sono arrivati il 118, i vigili del fuoco specializzati in recuperi sia nei monti che nei torrenti, la polizia, i carabinieri, la municipale e perfino le unità cinofile. E sul posto è arrivata la pm Chiara Pistolesi.

Si tratta di un aretino, residente nella zona di via Libbia, e che da domenica era ricercato, in quanto era stato dato l'allarme  sulla sua scomparsa. Sembra avesse da anni problemi di tossicodipendenza. 

Si esclude l'ipotesi di un delitto ma resta il giallo. Non ha addosso segni di violenza. Gli investigatori non escludono l'overdose: da capiree come l'uomo sia arrivato nei pressi del torrente che dista tre chilometri dalla propria abitazione. E' stata disposta l’autopsia, sarà eseguita dalla medicina legale di Siena