Arezzo, 3 gennaio 2018 - Consegnati nelle mani della responsabile della Caritas di Castiglion Fiorentino i 10 mila euro, di cui 4 mila stanziati dal comune, provento della cena di beneficenza dello scorso 15 dicembre. “Un bel respiro” dichiara Teresa Pontoriero mentre prende l’assegno in mano. A Castiglion Fiorentino si contano diverse decine di famiglie tra cui anche molti italiani che chiedono aiuto alla Caritas locale.

“L’idea di realizzare un evento a favore delle famiglie bisognose nacque 4 anni fa, all’inizio del mandato quando quasi quotidianamente ricevevo persone che lamentavano un forte disagio economico e che purtroppo ero impossibilitato ad aiutare. La cena è stata un’occasione di partecipazione collettiva per aiutare queste famiglie. I soldi rappresentano un piccolo aiuto ma fatto con la speranza di un futuro migliore. Partecipazione, aggregazione e spirito caritatevole, con questi sentimenti abbiamo affrontato le festività natalizie con un pensiero di riguardo verso chi attraversa momenti di difficoltà” conclude il sindaco Mario Agnelli.

Alla quarta edizione della cena di beneficenza pro Caritas hanno partecipato 600 persone. A queste si devono aggiungere le tante maestranze che hanno organizzato l’evento e che soprattutto hanno cucinato i settantadue chili di pasta al cinghiale (sugo offerto dai cacciatori), 22 lombi di arista e settanta chili di fagioli. Un ringraziamento particolare agli sponsors, più di 100, alla Polisportiva Montecchio Vesponi nella persona di Leonello Cangeloni e l’inossidabile “chef” Giancarlo Brilli.