Arezzo, 13 settembre 2017 - In onda lunedì e martedì sera in prima serata su Rai1 l'inizio della seconda stagione della popolare serie tv «Il Paradiso delle Signore». Tratta dal romanzo di Zola, la fiction campione di ascolti. Interpreti delle 10 nuove puntate Giusy Buscemi, Giuseppe Zeno e l’aretino Filippo Scarafia, nei panni di Roberto Landi. Un giovane pubblicitario facente parte della migliore squadra di creativi della città, il cui ufficio è al Paradiso delle Signore, primo grande magazzino di Milano.

Qualche anticipazione sul tuo personaggio in questa stagione?

«Il paradiso si apre con l’assenza di Vittorio Conti, Tersigni, che se ne va e l’uffico dei creativi ne risente molto. Sarà proprio il mio personaggio Roberto Landi a prendere il suo posto diventando responsabile dei pubblicitari. Nel frattempo prosegue la storia con Silvana».

Un cast numeroso e nomi importanti, come è stato lavorare di nuovo con loro?

«A differenza della prima stagione qualche attore ha esaurito la sua storia e non è più nel cast, altri sono subentrati. Abbiamo avuto la fortuna di conoscere nuove persone, sempre giovani, una gran fortuna lavorare tra coeatanei, tutti con tanta voglia di fare, nel cast quest’anno anche Andrea Osvart, la moglie di Mori».

Una fiction ambientata negli anni 50, che esperienza é immergersi in quell’epoca?

«Riprendiamo la seconda stagione qualche mese dopo i fatti accaduti nella prima, siamo nel ’56, i costumi e la scenografia con grandi professionisti alle spalle aiutano molto a entrare nel personaggio».

In tv ti abbiamo visto anche nei panni di Mameli, al cinema in Terraferma, il successo di Crialese, in cosa differiscono grande e piccolo schermo?

«La tv è una palestra straordinaria ha tempi ristretti, a volte ci sono giornate in cui devi lavorare su molte più scene rispetto ai tempi del cinema».

Progetti per il futuro?

«Ho fatto dei provini in estate, progetti molto importanti, per cui: dita incrociate, vi farò sapere».