Cortona, 3 gennaio 2018 - Prenderanno il via entro l’anno dei lavori per il nuovo polo scolastico di Camucia che ospiterà in un’unica struttura elementari e medie. L’inizio del 2018 porta a Cortona un’altra interessante novità per la frazione più popolosa del comune.

A fine anno, precisamente il 28 dicembre scorso, la Regione Toscana ha comunicato la graduatoria dei progetti che hanno avuto la definitiva autorizzazione al sostanzioso finanziamento e ora il comune può passare concretamente ai fatti.

La nuova scuola, prevista nell'area che oggi ospita le scuole medie in via di Murata, costerà 4 milioni di euro e verrà realizzata attraverso la compartecipazione del 50% dello Stato centrale, mentre i restanti fondi arriveranno dall'alienazione dell'attuale stabile delle scuole elementari di via Zampagni (circa 800 mila euro) insieme a risorse interne del Comune.

Il bando di gara per l’assegnazione è già pubblicato sulla piattaforma Start della Regione Toscana e scadrà il 15 febbraio e poi via con affidamento e partenza dei lavori.

“Questo impegno era il più importante che ci eravamo presi in campagna elettorale – commenta e il sindaco Francesca Basanieri – e questo sarà il progetto più grande ed importante che verrà realizzato a Cortona negli ultimi 40 anni. La soddisfazione è anche più grande perché tutto il lavoro e la progettazione sono stati fatti dai nostri uffici e dai nostri tecnici, in primis l’ingegner Marica Bruni, che ci hanno creduto fin dall'inizio e che hanno lavorato senza sosta affinché questo progetto potesse concretizzarsi”.

Il nuovo edificio, come detto, verrà realizzato nell'area di via di Murata andando ad ampliare quello oggi esistente in modo da ospitare sia le scuole elementari che medie. Il plesso avrà una superficie complessiva di oltre 10 mila metri quadri e potrà ospitare fino a 390 bambini. Il piano terra sarà destinato alla scuola primaria dove sono state previste 6 aule per 156 alunni, insieme a biblioteca, area mensa con cucina, aule integrative e nuovi spogliatoi per la palestra. Il primo piano sarà invece destinato al secondo ciclo della scuola primaria e darà ospitalità complessivamente a 234 alunni. 9 le aule didattiche previste a cui si aggiungeranno aule per le attività integrative e aule polivalenti. Il polo scolastico verrà realizzato in maniera moderna ed ecosostenibile, con l'installazione, per esempio, di pannelli fotovoltaici sul tetto dell'edificio.

“Fin dall’inizio della legislatura abbiamo investito tanto nel settore scolastico circa 3 milioni di euro – spiega ancora il primo cittadino -  per interventi sulla vulnerabilità sismica, per l’acquisto dell’immobile della Scuola di Fratta, per la nuova ala della scuola con centro cottura a Terontola che sarà inaugurata a giorni, per adeguamenti statici e miglioramento sismico e per l'impiantistica. Ora questo intervento che è assolutamente innovativo e che diventerà un campus moderno e completo per i nostri ragazzi”.