CASTIGLION FIORENTINO, 5 dicembre 2017 - Conto alla rovescia per il secondo incontro di Storie di vite che poi non è altro che l'eidzione invernale della Sagra del cinema. Sabato prossimo al teatro Mario Spina l'ospite sarà Raffaella Giordano che incontrerà il pubblico alle 19,30 durante l'aperitivo degustazione e poi parteciperà all'intervista pubblica, alle 21,30 la proiezione del film «L'intrusa» di Leonardo Di Costanzo.

Giordano, aretina d'adozione, è stata la fondatrice nel 1985 del collettivo Sosta Palmizi, diventata poi associazione con sede proprio a Cortona. Una delle realtà più interessanti del panorama nazionale nell'ambito della danza. Raffaella Giordano salirà sul palco dello Spina per raccontare la sua esperienza di attrice e per tracciare, tra aneddoti professionali e personali, il senso della sua esperienza d'artista. 

E' un'occasione pressoché unica per vedere uno dei film italiani più interessanti del 2017, uscito in poche sale e mai proiettato in provincia di Arezzo, ma che ha ricevuto apprezzamenti convinti da pubblico e critica. Il lavoro di Di Costanzo è stato presentato alla Quinzaine des Réalisateurs al Festival di Cannes 2017.

Raffaella Giordano si forma e lavora dal 1980 al 1984 con la coreografa Carolyn Carlson a Venezia. Negli anni successivi attraversa importanti esperienze in seno al Tanztheater di Wuppertal in Germania e nella compagnia l'Equisse Obadia/Bouvier in Francia. Nel 1985 è cofondatrice del collettivo storico Sosta Palmizi e dal 1986 segue un personale percorso di ricerca dando vita a numerose opere corali e solistiche, fra le più significative: Fiordalisi,…et anima mea…, Quore, Senza titolo, Tu non mi perderai mai, Cuocere il mondo e L’incontro in collaborazione con Maria Muñoz, Cie Mal Pelo. L’ultima produzione è il solo Celeste appunti per natura. Fortemente impegnata nell'ambito della formazione, dal 2009 al 2012 promuove e dirige il progetto "Scritture per la danza contemporanea”, biennio di studi per la sensibilizzazione e lo sviluppo delle arti corporee, e dal 2016 “Azione” per favorire una rete stabile di insegnamento, in sinergia con artisti e strutture operanti in Toscana. Collabora nel tempo a progetti teatrali, operistici e cinematografici con numerosi registi e autori della scena contemporanea. Nel 2016 è protagonista nel docufilm L’intrusa del regista Leonardo Di Costanzo e, nello stesso anno, cura i movimenti coreografici per Sancta Susanna di Paul Hindemith all’Opera Bastille di Parigi, con la regia di Mario Martone. Dal mese di agosto 2017 è impegnata come coreografa per il film Capri-Batterie diretto da Martone, in uscita nel 2018. Dal 1991 ad oggi, insieme a Giorgio Rossi, codirige in Toscana l’Associazione Sosta Palmizi, operando allo sviluppo di un luogo di riferimento e di sostegno nell’ambito della danza italiana.

Quella di sabato 9 dicembre è la seconda di quattro serate con il cinema a teatro, promossa dall'associazione Menteglocale, con il contributo del Comune di Castiglion Fiorentino e in particolare dell'Assessorato alla Cultura e in collaborazione con la Pro Loco di Castiglioni e Officine della Cultura. Ingresso dalle ore 19 al Teatro Mario Spina di Castiglioni.