Arezzo, 1 febbraio 2018 - Torna ad Arezzo dopo 15 anni, con il patrocinio e il contributo organizzativo dell’amministrazione comunale, la 1000 Miglia, la più celebre manifestazione di auto storiche al mondo. La tappa aretina è stata presentata al Teatro Pietro Aretino con una “madrina” d’eccezione: un esemplare di Porsche 550 RS del 1956. La trentaseiesima rievocazione della competizione, vissuta tra il 1927 e 1957, toccherà il centro storico della città con la sua carovana formata dalle più importanti vetture dell’epoca, un autentico museo viaggiante. Arezzo annovera tra i protagonisti della 1000 Miglia piloti del calibro di Gastone Brilli Peri nelle prime edizioni degli anni Venti e Consalvo Sanesi, conduttore ufficiale Alfa Romeo, in quelle del dopoguerra: suo il record di velocità tra Brescia e Pescara con 176 km/h di media.

“Per noi – sottolinea Giuseppe Cherubini, Vice Presidente del Comitato Organizzatore della 1000 Miglia 2018 – è un piacere tornare ad Arezzo, sia perché abbiamo trovato subito ampia disponibilità da parte dell’amministrazione comunale a ospitare questo evento dopo uno stop quindicennale sia perché scopo di 1000 Miglia è quello di valorizzare il territorio italiano e città che presentano peculiarità specifiche come Arezzo, che vanta una fortezza medicea e un centro storico perfettamente conservati. Teniamo presente che la gran parte dei concorrenti di 1000 Miglia proviene dall’estero, dai cinque continenti in rappresentanza di circa 50 nazioni, dunque saranno soprattutto stranieri a poter gustare e veicolare nei rispettivi paesi bellezze artistiche e prodotti gastronomici del territorio aretino”.

Giovedì 17 maggio, partite in mattinata per la seconda tappa da Milano Marittima, le auto entreranno in provincia a Ponte Presale per poi proseguire per Badia Tedalda, il valico di Viamaggio, il centro storico di Sansepolcro e raggiungere Arezzo dallo Scopetone, via Redi, via Fonte Veneziana, via Gamurrini e viale Buozzi. Da qui, un percorso inedito porterà le vetture verso l’ingresso della Fortezza, il monumento a Francesco Petrarca, l’anello del Prato e via Ricasoli. Il parco macchine potrà essere ammirato da cittadini e turisti per 45 minuti, il tempo del buffet destinato agli equipaggi. E non è finita: le auto ripartiranno, dopo il controllo orario, per piazza della Libertà, dove sarà possibile intervistare i concorrenti, via dell’Orto, via dei Pileati, via Vasari, piazza Grande, via Seteria, Corso Italia fino all’incrocio con via Roma.

Qui imboccheranno via Crispi e procederanno lungo viale Giotto e via Simone Martini, il Torrino, Palazzo del Pero, valico della Foce, Castiglion Fiorentino e Cortona. Lasceranno la provincia, dopo averne percorso 115 km, a Terontola. Le vetture saranno 450, provenienti da ogni parte del mondo, precedute in veste di apripista dai 100 esemplari del Ferrari Tribute e dai 50 del Mercedes-Benz 1000 Miglia Challenge. In totale circa 1.500 persone potranno apprezzare Arezzo e le sue bellezze. Braccio operativo dell’organizzazione il Club Automoto d’Epoca Saracino.