Arezzo, 1 febbraio 2018- Un percorso agli albori del cristianesimo tra melodie, poesie e meditazioni. Domenica 4 febbraio, alle 17.00, la sala delle Volte della basilica di San Francesco sarà teatro del concerto “Jesu dulcis memoria” che, interamente dedicato alla scoperta e alla valorizzazione del canto gregoriano, è nato dalla collaborazione tra il coro femminile Vocinsieme e il coro maschile Cantantibus Organis. Le due formazioni aretine hanno rinnovato una collaborazione avviata nei mesi scorsi con un concerto a Cortona e che farà tappa ora anche in città, con un pomeriggio ad ingesso libero e gratuito che regalerà emozioni e riflessioni attraverso la cosiddetta “musica del silenzio”. Il gregoriano, infatti, è un canto liturgico non accompagnato dal sostegno delle musiche ma che fa leva esclusivamente sulle parole e sui silenzi, con la voce che diventa uno strumento per elevare una preghiera svolta all'unisono, in un clima di meditazione e di ascolto reciproco, stimolando i coristi a valorizzare il significato di ogni parola e a creare un'atmosfera di intimità con sé stessi e con gli spettatori. In “Jesu dulcis memoria” sarà possibile ascoltare gli otto schemi melodici dell’antico genere musicale del gregoriano che, sviluppati tra medioevo e rinascimento, sono tutti collegati alla funzione liturgica ma evocano sentimenti e stati d'animo tra di loro diversificati.

Il concerto sarà guidato dalla nota direttrice Anna Seggi che nel 2013 ha dato il via all’esperienza del coro Vocinsieme e che, da sempre, studia il mondo della vocalità in collaborazione con alcuni dei massimi esponenti della coralità italiana, arrivando anche a sviluppare un metodo di educazione che integra i principi basilari del bel canto ad aspetti umanistici, musicologici e scientifici. La spiritualità del canto sarà sostenuta e rafforzata anche da momenti di riflessione attraverso le letture e i pensieri del biblista don Dino Liberatori, e da momenti poetici tratti da "Vergine bella, che di sol vestita" dal Canzoniere di Francesco Petrarca a cura dell’attrice Alessandra Bedino. «I due cori hanno già cantato insieme a Cortona e hanno registrato molti apprezzamenti - spiega Giovanna Maggi, presidente del Vocinsieme, - dunque, essendo due formazioni aretine, abbiamo pensato di riproporre il concerto “Jesu dulcis memoria” anche nella nostra città. Il gregoriano accompagna direttamente alle origini del canto, in un’atmosfera di emozioni e di riflessioni che permette di riscoprire il rapporto più intimo con la propria fede».