Arezzo, 14 settembre 2017 - Al Museo dell’arte della lana di Stia e all’EcoMuseo del Casentino per una domenica. Il 17 settembre organizzano la sesta edizione di «A far le cose bene ci vuole il tempo che ci vuole!». Una giornata con gli artigiani a Stia, iniziativa dedicata alla valorizzazione dell’artigianato artistico locale e dei mestieri di un tempo. Un percorso tra tradizione e innovazione per riscoprire i mestieri del passato e conoscere le nuove tecniche artigianali. Per l’intera giornata ci sarà la mostra mercato, con laboratori didattici per bambini e dimostrazioni di tessitura a mano, filatura con l’arcolaio, lavorazione di legno, vimini, rame e terracotta, e accanto le nuove forme di manualità come il riciclo creativo, il patchwork e l’origami. Questo il programma. Nel salone del Lanificio di Stia dalle 10 alle 19 sarà allestita la mostra mercato con le dimostrazioni dal vivo degli artigiani del territorio. Dalle 16 alle 19 ci saranno i laboratori didattici gratuiti per i bambini con i Musei ed Ecomusei del Casentino. Nel salone Lombard alle 17 presentazione del progetto «L’arazzo delle 2000 mani», l’opera ideata da Angela Giordano e realizzata dai partecipanti alle attività didattiche del Museo dell’Arte della Lana tra il 2015 e il 2017.

Nel Museo del bosco e della montagna dalle 16 alle 19, spazio poi ai laboratori didattici gratuiti per tutta la famiglia.

L’evento, interamente gratuito, è realizzato con il contributo di Regione Toscana e Comune di Pratovecchio Stia, con il patrocinio del Comune di Pratovecchio Stia e con la collaborazione di Laboratorio Tramandiamo, Sci Club Stia, Casentino Sviluppo e Turismo ed Arredamenti Lorenzoni. Per informazioni: Museo dell’arte della lana 0575.582216 oppure 338.4184121, Ecomuseo del Casentino 0575.507277 o 0575.507272.