Arezzo, 13 gennaio 2018- Tra l’evento religioso e la gita fuori porta, gli innamorati dei quattro zampe ogni anno si ritrovano puntuali nell’occasione di S.Antonio Abate. E alcuni raggiungono al galoppo la meta. In un colpo d’occhio completato da carrozze, gabbiette, trasportini e guinzagli, grandi e piccoli, intere famiglie portano al Bagnoro il loro animale da compagnia. E come accade da ventidue anni sfilano davanti alla pieve romanica cani e gatti, cavalli, criceti e animali di ogni specie, che si radunano per S.Antonio. A piedi o portando al guinzaglio il proprio cane o a cavallo, la tradizione si rinnoverà anche stamani. La parrocchia di S.Eugenia e il suo parroco Don Daniele Arezzini, la proloco del Bagnoro e l’associazione Gamurrini organizzano infatti oggi la tradizionale benedizione degli animali alla chiesa del Bagnoro.

La benedizione si svolgerà alle 11,45 nel piazzale fuori dalla Pieve romanica ma il programma della giornata parte prima. Alle 10 è previsto il ritrovo al campo sportivo vicino alla chiesa e la partenza per la passeggiata a cavallo sulle colline del Bagnoro. Alle 10,30 ci sarà la santa messa nella Pieve di Sant’Eugenia e alle 11,45 appunto, la tradizionale benedizione di tutti gli animali presenti. E alle 13 spazio al pranzo di Sant’Antonio nei vicini locali della proloco su prenotazione fino ad esaurimento posti (per iscrizioni: 3288681043). All’evento parteciperanno anche enti e associazioni come Enpa, Scudo di Pan, Fise e associazioni equestri. Come ogni anno infatti l’evento vede la partecipazione di moltissimi cavalli, giunti al Bagnoro con carrozze e van, ma anche di moltissimi altri animali che in compagnia dei loro padroni si raduneranno nel piazzale antistante la Pieve di Sant’Eugenia per la tradizionale benedizione, ricevendo le medagliette di Sant’Antonio Abate il patrono degli animali.